ginnastica in acqua

Siamo sincere, quando ci mettiamo davanti allo specchio non siamo mai pienamente soddisfatte, anche se siamo coscienti dei miglioramenti ottenuti, anche se gli altri ci vedono bene noi vorremmo sempre di più, e da una parte è giusto così. Migliorare è sempre possibile ma non solo per apparire più belle, anche solo per sentirsi meglio.

La ricerca del fisico perfetto spesso richiede sacrifici enormi: allenamenti ad alta intensità che non sempre il corpo è in grado di affrontare. Ma allora come si può ottenere un corpo perfetto e sano senza dover per forza sollevare bilancieri e manubri?

Innanzitutto è doveroso spiegare come con una giusta propedeutica, una corretta tecnica e la guida di un trainer qualificato, è possibile fare ogni tipologia di allenamento. E per chi non ama l’ambiente della palestra ma vorrebbe comunque sapere come tonificare il corpo. Esiste una soluzione?

Esercizi in acqua: una palestra senza pesi

L’acqua viene considerato spesso il nostro ambiente naturale, quando si entra in piscina per una lezione di acquagym ci si sente già meglio al solo sentire il tepore dell’acqua che avvolge il nostro corpo.

esercizi in acqua

Questa sensazione di benessere non è una cosa solamente psicologica ma una vera e propria qualità fisica che appartiene all’acqua: entrare in piscina sottoporrà il corpo alla famosa “spinta idrostatica”, ossia più ci si immerge e maggiore sarà la spinta dal basso verso l’alto che l’acqua darà al nostro corpo.

Cosa vuol dire tutto questo? Che fare ginnastica in acqua permette di fare movimenti sovraccaricando al minimo articolazioni come ginocchia, anca e schiena.

Molte persone non svolgono attività fisica perché hanno problemi e dolori vari ma non sanno che mentre lavorano con lo specialista del settore per migliorare le problematiche specifiche, possono comunque fare lezioni di acquagym senza paura di sovraccaricare le varie strutture che devono essere salvaguardate.

Tonificazione e lezioni in acqua: è possibile?

Spesso si pensa che le lezioni di fitness svolte in piscina siano troppo semplici per essere allenanti, chi lo pensa è perché non ne ha mai provata una! L’intensità c’è ma il sovraccarico non è dato da dei pesi quanto dall’acqua stessa.

Quali esercizi si possono eseguire e quali i benefici ottenuti?
Camminata: il semplice fatto di camminare in piscina rinforzerà i muscoli delle gambe, e quindi il ginocchio, permettendo una maggior circolazione dei liquidi negli arti inferiori andando così a combattere la ritenzione idrica.

Se l’acqua arriva fino al bacino il busto dovrà contrastare le piccole onde che si formano nella piscina per vari motivi, andando a rinforzare i muscoli stabilizzatori del tronco e quindi la schiena

Aprire e chiudere le braccia. Un semplice movimento che può cambiare di molto la sua intensità semplicemente tenendo le mani chiuse a pugno, con le dita bene aperte oppure “a cucchiaio”. L’intensità risulterà sempre maggiore andando a rinforzare, fra gli altri, muscoli di petto, spalle (sia anteriori che posteriori) e dorso

Movimenti delle gambe. E’ possibile muovere una gamba alla volta oppure tutte e due contemporaneamente facendo dei “salti” che verranno resi semplici e morbidi dall’essere emersi in acqua.

A seconda di come si muovono le gambe è possibile rinforzare e tonificare i muscoli di interno, esterno coscia e dei glutei. E’ possibile anche fare molti lavori di mobilità articolare compiendo circonduzioni ampie in posizione eretta, cosa che fuori dall’acqua sarebbe ostacolato sia dalla gravità che dal peso specifico della gamba.

ginnastica in acqua

Flessioni del bacino e delle cosce sul busto. Rimanendo aggrappati ai classici tubi da acquagym, oppure al bordo della piscina, o ai cordoli, è possibile flettere il bacino e portare le cosce verso il busto.

Questo movimento aiuterà la mobilità della bassa schiena e rinforzerà i muscoli addominali.

Durante una lezione di acquagym l’istruttore farà eseguire molti altri movimenti, sia a corpo libero sia utilizzando degli appositi strumenti in morbida gomma che permettono al corpo di galleggiare meglio, per chi ne ha bisogno, oppure di aumentare l’intensità di allenamento per chi vuole spingersi oltre.

Sarà quindi possibile allenarsi da soli, con lezioni di gruppo tipo acquagym oppure facendo allenamenti a circuito in acqua .

La musica accompagna queste lezioni che oltre ad essere sicure e funzionali per il nostro obiettivo risultano così anche divertenti.

Se oltre agli allenamenti in piscina si vogliono aggiungere altri allenamenti in totale sicurezza, senza pericolo di sovraccaricare schiena ed articolazioni, c’è un’alternativa che non ti aspetti.

Quale? Per saperlo dovrai leggere il nostro prossimo articolo.

Condividi: