sport | nuotare

Quando si vuole fare uno sport completo che coinvolga tutti i muscoli del corpo il primo che viene in mente è sicuramente il nuoto. Cercando fra gli sport che fanno dimagrire senza avere impatti su ossa ed articolazioni ancora una volta il nuoto è la prima opzione.

L’attività più indicata per gli anziani? Il nuoto! Qual è lo sport migliore per i bambini? Ovviamente il nuoto. Vi fa male la schiena? C’è un unico sport da fare, indovinate qual è? Il nuoto!

Per quanto nuotare sia un’attività di tutto rispetto, amata da molti, che aiuta ad aumentare l’attività cardiocircolatoria, è necessario chiarire alcune idee errate che le ruotano attorno.

Il nuoto fa bene

La realtà è che il nuoto è uno sport, ben diverso dalla ginnastica in acqua che può essere fatta da un tecnico specializzato. Lo scopo del nuoto, così come quello del calcio, della pallavolo, ecc. non è quello di curare patologie o di allenare i muscoli ma è quello di vincere le competizioni nella propria disciplina di riferimento.

Abbiamo già fatto un articolo spiegando come avere il fisico dei nuotatori, sottolineando che non è il solo fatto di nuotare qualche volta a settimana che farà allargare le spalle e stringere la vita. Andiamo con ordine e cerchiamo di spiegare punto per punto tutti i malintesi riguardo il nuoto.

Nuoto e scoliosi

Per quanto questo sport permetta uno scarico della colonna vertebrale, in quanto si percepisce meno fatica grazie alla spinta dell’acqua; dal’altro canto la stessa pressione dell’acqua non aiuta molto chi è poco allenato ad eseguire movimenti corretti a livello scapolare, ecc.

nuoto | piscina

Nessun medico dello sport consiglierebbe a chi soffre di scoliosi, il nuoto o altre attività che limitano il movimento nella zona lombale.

Va ricordato che la scoliosi non deve essere confusa con un atteggiamento scoliotico. La prima è una grave patologia che fortunatamente colpisce pochi casi conclamati (circa il 3% della popolazione),  che necessitano di soluzioni di ambito clinico piuttosto che sportivo.

La seconda è una problematica alla colonna, chiamata comunemente atteggiamento scoliotico (cifosi, lordosi, ecc. ), in questo caso sono consigliate delle sedute di
ginnastica in acqua. In questo modo si potrà recuperare mobilità e funzionalità della colonna, indispensabili per praticare sport come il nuoto ma anche calcio, pallavolo, pesistica, ecc.

Inoltre bisogna precisare che le il nuoto non a livello competitivo, praticato 2/3 volte a settimana, evitando movimenti veloci e intensi (tipici di uno sport competitivo), non è la causa scatenante di problemi alla scoliosi.

 

Il nuoto fa dimagrire

Abbiamo già scritto un articolo (“Un fisico perfetto ottienilo con il nuoto“)per spiegare quante calorie si bruciano nuotando.

Va ricordato che l’azione più importante dal punto di vista della perdita di massa grassa viene data da una corretta alimentazione.

Si dimagrisce infatti quando le calorie assunte sono minori rispetto a quelle consumate. Si può certamente aumentare il dispendio calorico facendo attività fisica come nuoto, corsa, bicicletta, ecc. ma l’azione maggiore in termini di quello che viene chiamato deficit calorico viene data dalla dieta.

Non si può sperare di avere una dieta non regolare e di dimagrire solamente perché si fa sport. Alimentazione ed attività fisica sono un connubio che non possono prescindere l’uno dall’altro, specialmente se si parla di dimagrimento

stile nuoto | dorso

Il nuoto è uno sport completo.

Ogni sport a proprio modo risulta essere completo. Bisogna specificare cosa si intende con questo termine. Nel nuoto vengono utilizzati tutti i muscoli superficiali del corpo, principalmente quelli degli arti superiori e del tronco.

Non capita di rado di uscire dalla piscina dopo aver nuotato e di sentire i muscoli di petto e dorso affaticati e tonici. Allo stesso modo è possibile nuotare con l’ausilio di pinne o tavolette per concentrare il lavoro sulle gambe.

Ecco come il nuoto può essere un ottimo compendio a molti sport, o allenamenti nei quali alcuni gruppi muscolari vengono allenati in maniera poco incisiva. Si possono quindi alternare sessioni di allenamenti in sala pesi o di altre discipline sportive con allenamenti in acqua, senza che questi vadano ad inficiare i
risultati gli uni degli altri.

Cervicale e nuoto

Come ogni sport il nuoto non cura nessun tipo di patologia. Non bisogna quindi buttarsi in acqua e nuotare sperando che questo possa aiutare ogni dolore presente. In alcuni casi può essere utile ricorrere alla ginnastica in acqua che, facendoci lavorare in scarico articolare, facilita l’attuazione di alcuni movimenti. Un percorso di questo genere non può essere fatto in autonomia. Un istruttore di nuoto o un professionista del settore presente all’interno di un centro fitness saprà sicuramente indicarvi quali sono gli esercizi migliori per migliorare i problemi che volete risolvere.

Nuotare a dorso raddrizza le spalle

Parleremo di questa ulteriore bufala in un successivo articolo, spiegando anche come poter migliorare la propria postura.

Quindi imparare a nuotare è inutile?

Assolutamente no. Il nuoto va preso per quello che è: uno sport. Come tutti gli sport ha dei pro e dei contro. Nessuno si sognerebbe mai di suggerire di giocare a calcio ad una persona con problemi alle ginocchia, soltanto perché i calciatori hanno le cosce grosse.

Questo assurdo parallelismo viene però fatto di continuo nel nuoto, che è una disciplina interessante ma che non deve mai venir confusa con la ginnastica e la terapia in acqua, fondamentali per la salute dei pazienti che le utilizzano venendo seguiti da personale medico specializzato.

Fonti

J Pediatr. 2015 Jan;
Swimming and spinal deformities: a cross-sectional study.
Zaina F, Donzelli S, Lusini M, Minnella S, Negrini S

Scoliosis in swimmers.Becker TJ et al. Clin Sports Med.

Issues Compr Pediatr Nurs. 2013;36
Do swimming exercises induce anthropometric changes in adolescents?
Bielec G, Peczak-Graczyk A, Waade B.

Condividi: