myofascial

Allenarsi fa bene, è risaputo, rende più forti, più resistenti, più mobili ed aumenta lo stato di wellness. Insomma: ne giova il fisico e la mente.

Spesso però questo concetto passa in secondo piano soprattutto in chi si allena principalmente per fini estetici andando a trascurare quella parte fondamentale di esercizi che servono a rendere il corpo più funzionale, nel senso più letterale della parola.

Muscoli ed articolazioni mobili, coordinati fra di loro e con una buona fluidità di movimento sono fondamentali per chiunque indipendentemente dallo scopo dell’allenamento.

Vediamo alcuni esempi:

Dolori generali a schiena ed articolazioni.
Sono spesso dovuti a posture sbagliate, poca mobilità o sovraccarico continuo di alcune strutture. In ognuno di questi casi riuscire a diminuire la tensione muscolare, muovere meglio ed in maniera più ampia i vari distretti muscolari aiuta sia a superare la fase acuta di dolore sia a prevenire futuri problemi

flessibilità muscolare

Performance sportive.
Poter muovere in maniera coordinata e fluida il corpo aiuta a risparmiare le energie ed evitare contratture e distrazioni muscolari dovute a movimenti errati. Si diventerà quindi più efficienti e più sicuri.

Ricomposizione corporea.
Quindi perdere massa grassa ed aumentare quella magra. Per fare questo è necessario imparare ed eseguire esercizi vari, molti non sono mai stati fatti prima. A volte sarà necessario utilizzare sovraccarichi relativamente alti ma non è possibile fare allenamenti simili se il corpo non è in grado di muoversi in maniera corretta.

Si rischierà di limitare gli esercizi che è possibile eseguire e di non riuscire ad avere la giusta intensità negli allenamenti perché le strutture deputate non sono in grado di rispondere a determinate forze esterne.

C’è però un tipo di allenamento che può essere utile in ognuno di questi casi: gli esercizi di miofascial release.

Myofascial fitness: cos’è e perché serve.

Siamo abituati a pensare al corpo umano come un insieme di muscoli ed ossa, questo è vero ma manca una parte: la fascia.

fascia muscolare

Questa fondamentale struttura avvolge i muscoli ed è importante per il trasferimento della forza, un suo irrigidimento può causare difficoltà di movimento, irrigidimento generale, diminuzione della forza, ecc.

Per questo motivo bisogna tenere attivi non solo i muscoli ma anche la fascia che li avvolge.

Un irrigidimento di questa struttura può avvenire a causa dell’avanzare dell’età e dell’assenza di movimento ma è possibile rallentare questo processo e “ridare vita” alla fascia grazie al solo movimento, unito ad esercizi specifici di allungamento.

Spesso però quando si esegue il classico stretching si allungano alcune parti del corpo ma si perde il controllo di altre, a dare la soluzione a tutto questo interviene il massaggio miofasciale.

Training fascia: come farlo

Una tecnica di auto massaggio che prevede l’utilizzo di attrezzatura specifica, dal rullo miofasciale a specifiche palline con i quali è possibile diminuire o eliminare le tensioni presenti nella fascia, o come si dice in gergo tecnico: fare un myofascial release.

Ovviamente è necessaria avere una certa competenza per poter effettuare questi massaggi.

myofascial release | fascia fitness

Alla possibilità di rivolgersi ad un professionista si aggiunge una lezione unica nel suo genere: miofascial training! Una vera e propria lezione di fascia fitness nella quale gli istruttori sapranno guidarti nei giusti movimenti che servono a mantenere elastica e lubrificata la fascia permettendoti così di raggiungere e mantenere il tuo più alto stato di wellness ed efficienza fisica.

Puoi trovare questa lezione unica nel suo genere nel centro di Easyfit Trastevere. Provala per capire che è possibile raggiungere uno stato di benessere al quale non avevi nemmeno mai pensato.
Buona lezione!

Condividi: