Le scarpe giuste per il Running

Come scegliere le scarpe da corsa. Tutti prima o poi nel corso della vita si ritrovano alla ricerca di un miglioramento estetico, non importa che il motivo sia la semplice età che avanza o qualche chilo di troppo, dovuto alla sedentarietà o ad un’alimentazione scorretta, tutti ci ritroviamo a chiederci come definire il fisico?

E una delle risposte più comuni è senza dubbio dedicarsi all’allenamento cardio per eccellenza: la corsa! Perché correre fa dimagrire…no?!

Running: come scegliere le scarpe per correreNell’intraprendere questo nuovo percorso ossia imparare a correre avrete bisogno di uno strumento fondamentale e imprescindibile per la vostra salute: le scarpe per correre. I professionisti lo sanno bene, indossare le scarpe giuste è la prima regola di un runner, e la scelta è un procedimento delicato e determinato non dal gusto personale o dalla moda del momento ma da molteplici fattori, vediamo insieme quali sono i principali:

  • La forma del piede.

Ogni piede è diverso, c’è chi ha la pianta larga e chi stretta, per questo esistono migliaia di modelli diversi che vanno necessariamente provati. Attenzione però! Quando si prova una scarpa da running non basta ammirarsi allo specchio, o semplicemente camminarci, serve testarla.

Oggi molti negozi per esempio si sono dotati di tapis roulant proprio per dare la possibilità ai clienti di trovare la sensazione migliore, e acquistare la scarpa giusta.

Le scarpe giuste per il Running

  • Il tipo di appoggio.

Prima di provare qualsiasi scarpa bisogna conoscere un dato importante: il tipo di appoggio che abbiamo, che può essere in pronazione, in inversione o neutro. Quando il peso del corpo, dopo la fase di volo, si scarica sul terreno, l’arco plantare tende a cedere verso l’interno. Questo effetto, definito come pronazione fisiologica è caratteristico del tipo di appoggio normalmente chiamato neutro. Quando questo effetto è accentuato si parla di appoggio da iperpronatore, se invece l’effetto avviene nella parte esterna del tallone avremo un appoggio in inversione (o atteggiamento supinato).

A seconda di ogni appoggio esiste una scarpa diversa, ed è importante saperla scegliere perché ci aiuterà a correggere il difetto del passo e ad evitare eventuali sovraccarichi a caviglie, anche o ginocchia.

  • Il peso

Il livello di ammortizzazione deve cambiare a seconda del peso corporeo, più si è leggeri e allenati e meno saranno ammortizzate, più si è pesanti e poco allenati e più si avrà bisogno di scarpe ammortizzate e protettive.

  • Livello di allenamento

Le scarpe giuste per il RunningNon dimentichiamo che specialmente i neofiti stanno sottoponendo il proprio corpo (ed i piedi in particolare) ad un carico di lavoro straordinario quindi la protezione innanzitutto! Come appena detto chi le usa per correre tutti i giorni, ed è quindi ben allenato, può scegliere scarpe più leggere,  chi si allena poco ha bisogno di un modello che possa proteggere i piedi  e le articolazioni moderando l’impatto al suolo.

E’ utile ricordare che le scarpe hanno una data di scadenza, in questo caso non avrà importanza la tecnica di corsa, il peso, l’appoggio o dove si corre, ad un certo punto andranno necessariamente sostituite.

L’utilizzo di materiali più leggeri, più soffici, per scarpe subito pronte all’uso ha portato ad una minor durata del prodotto, è quindi consigliabile non superare i 900/1000 km.

All’inizio sembreranno tantissimi eppure non ci vorrà tanto a raggiungerli, un allenamento costante e ben programmato vi regalerà tante soddisfazioni…e tante paia di scarpe nuove da comprare.

 

Condividi: