postura corretta | mal di schiena

Indipendentemente dal risultato che si vuole ottenere dal proprio allenamento, il sentirsi bene con sé stessi e non avere dolori, è una condizione fondamentale per poter affrontare gli allenamenti ma anche la vita quotidiana. Indipendentemente dal grado di allenamento, dall’ età o dalla propria forma fisica, si possono accusare dolori a schiena, spalle, anche, ecc. che influiscono sulla nostra quotidianità.

Spesso si cercano le cause in traumi, movimenti scorretti o altro, ma la maggior parte delle volte il problema deriva dalla propria postura.

Come migliorare la postura

Per postura si intende l’atteggiamento che assume il nostro corpo nello spazio. Esistono molti manuali che spiegano quale dovrebbe essere la postura corretta in piedi o da seduti, ma nella pratica è realmente difficile trovare persone in grado di seguire quelle regole.

mal di schiena | postura Il problema non è dato solamente dal nostro stile di vita perché ognuno di noi ha proporzioni differenti fra i vari segmenti corporei, condizioni muscolari differenti, vive in ambienti differenti, ecc.

Bisognerebbe quindi definire una postura corretta per ogni persona, che differirà per forza di cose da quella di ogni altro.

Queste indicazioni possono essere date da uno specialista del settore che, in collaborazione con un fisioterapista o un personal trainer, sarà in grado di farci raggiungere la nostra postura ideale.

In alcune situazioni come sul posto di lavoro ci sono delle regole valide a tutti, ma di questo ne abbiamo già parlato nell’articolo “La postura corretta sul posto di lavoro” .

In generale, ci sono esercizi per la postura? Si esistono, puoi conoscerli in modo più dettagliato leggendo: “Alcuni esercizi posturali per i lombi” “Esercizi per il mal di schiena” e “Ginnastica posturale”. Anche se  in teoria ogni allenamento, se ben strutturato, aiuta a correggere la postura.

Non esiste uno sport o disciplina che se praticato andrà a creare posture errate, anche perché vorrebbe dire rendere sempre di meno a livello sia fisico che di prestazione. Se questo capita il problema è nel modo in cui ci stiamo allenando!

In linea generale i problemi che si riscontrano nelle persone sono di solito sempre gli stessi:

  • Poca capacità di respirare correttamente col diaframma. Muscolo molto importante che può influire in maniera sostanziale sulla nostra postura.
  • Muscoli posteriori delle spalle poco tonici. Questo difetto può portare ad avere il classico atteggiamento di spalle chiuse in avanti.
  • Muscoli del petto (specialmente il piccolo pettorale) troppo tonici. Assieme al punto appena citato porta alla comparsa della ipercifosi dorsale (spalle chiuse avanti).
  • Rigidità dei muscoli della catena cinetica posteriore. Gran parte della muscolatura della parte posteriore del corpo tende ad essere tipicamente accorciata, impedendo movimenti corretti ed ampi.
  • Errato rapporto di forza tra ileo psoas e retto addominale. Questi due muscoli sono fondamentali per l’equilibrio del bacino, spesso ad un ipertono del primo si ha un ipotono del secondo, con conseguenti problematiche e dolori alla parte bassa della schiena.

Ognuno di questi punti merita di essere approfondito in uno specifico articolo, nel quale verranno consigliati i migliori esercizi per gestire al meglio le varie problematiche riscontrate.

esercizi posturali | ginnastica posturale
La cosa importante è non iniziare mai un allenamento senza che il trainer di riferimento abbia fatto un test per valutare la nostra postura e funzionalità, per evitare di fare esercizi che possano peggiorare dei possibili problemi di postura.

In conclusione: è importante capire che per quanti risultati si possano ottenere, non saranno mai paragonabili a quelli raggiungibili con un corpo che si muove in maniera fisiologica, e che mantiene una postura corretta durante tutta la giornata.

Fonti

Libro – Ginnastica posturale. Metodo scientifico
di Nicolò Ragalmuto, Alberto Falcone, Roberto Pizziconi

Prenditi cura della tua schiena
di Robin A. McKenzie

La colonna lombare. Diagnosi e terapia meccanica
di Robin A. McKenzie, Stephen May

Condividi: