sport

Tuta indossata, scarpe allacciate, via: si corre. Fatti i primi minuti di riscaldamento bisogna decidere che strategia attuare: camminata veloce, corsa lenta oppure alternare brevi scatti?

Abbiamo già parlato in due precedenti articoli (“Star bene grazie alla Camminata Veloce” e “Correre per dimagrire“) di quante calorie si consumano con una corsa lenta o camminata veloce, cerchiamo di capire se la vera corsa brucia grassi è quella fatta ad intensità costante o se si dimagrisca di più con una breve corsa veloce alternata a dei momenti di recupero.

Andiamo per step: meglio camminare o correre per dimagrire?

Non esiste medico che non sia pronto a consigliarne la classica mezz’ora al giorno, perché si sa che i benefici della camminata sono innumerevoli, sia per il fisico che per la mente.

camminata veloce | corsa lenta

Proprio per questo motivo c’è chi si dedica in maniera costante a questa attività, arrivando anche a camminare un’ora al giorno, perché è risaputo che se vogliamo dimagrire camminando o facendo una corsa lenta dobbiamo impegnarci per almeno 40 minuti, altrimenti si consumano solo zuccheri.

Come se il nostro corpo fosse un orologio che dal 41esimo minuto in poi si mette in moto iniziando a consumare grassi a non finire!

Noi consumiamo sempre una miscela di grassi e zuccheri, sempre, dal primo passo che facciamo fino all’ultimo. Più è alta la nostra percentuale di massa magra attiva(quindi muscoli abituati ad un allenamento con i sovraccarichi), più è bassa la quantità di grasso che abbiamo, e maggiore sarà la quantità di grassi bruciati rispetto agli zuccheri nel breve tempo.

Non esiste nessun tempo di riferimento, e questo vale sia per la camminata quanto per la corsa.

In definitiva, quale delle due attività fa dimagrire di più? Senza dubbio la corsa. Quando si corre si sposta il baricentro non solo in orizzontale ma anche in verticale, questo piccolo ma costante spostamento verticale del baricentro costringe il corpo a faticare e quindi a consumare i più.

Meglio corsa lenta e costante o a scatti?

Chiarito che per dimagrire conviene correre capiamo quale tipo di corsa fare.

Una corsa lenta e costante farà consumare solamente per il periodo di tempo nel quale si sta facendo attività: un’ora? Due? Mezz’ora? Finita la corsa, si finisce di consumare in maniera maggiore.

Una corsa fatta ad intensità intervallate: altissima intensità alternata a momenti di recupero (passeggiando o addirittura stando fermi) creerà quello che viene definito “debito di ossigeno”.

Questo, come tutti i debiti prima o poi va pagato, la buona notizia è che in questo caso non si usano soldi ma calorie! Utilizzando una corsa intervallata quindi si consumeranno calorie sia durante la corsa che nelle ore successive all’allenamento.

corsa a scatti

Dubbio risolto: per dimagrire di più occorre semplicemente fare una corsa a scatti. Ma a che intensità? Per quanto tempo? Quanto recupero? Tutte domande che troveranno risposta in un articolo dedicato all’allenamento intervallato ad alta intensità.

Per il momento è necessario apprendere delle nozioni di base.

• Prima di poter affrontare un allenamento ad alta intensità o comunque una corsa con scatti e recuperi è necessario avere una buona base di allenamento aerobico, quindi: correre per tanto tempo in maniera costante ad una intensità che varia fra il 65 ed il 75% della nostra massima frequenza cardiaca.

• Quando si corre è necessario avere degli strumenti che possano misurare le nostre performance per poterle confrontare nel tempo e capire se stiamo migliorando o meno.
streching
• E’ vero che con la corsa si consuma di più rispetto alla camminata ma… quanto si consuma?
Avendo controllato i dati del nostro precedente articolo ti sarai accorto che in realtà le calorie perse non sono esagerate, specialmente se si considera che ogni chilo di grasso è composto da 7000 calorie!
Esistono altre strategie per dimagrire che non possono prescindere da un corretto piano alimentare, di questo però ne parleremo in maniera più approfondita in un altro articolo.

• Il sudore perso durante la camminata e la corsa non è utile al dimagrimento, anzi, è necessario reintegrare acqua e sali minerali che vengono persi, quindi niente tute sauna o fasce per far sudare la vita, e ricordiamoci di bere in maniera costante per tutta la durata dell’allenamento.

Ricorda sempre di cominciare in maniera graduale ogni allenamento perché è meglio fare poco ma spesso piuttosto che esagerare una volta ogni tanto.

Il primo vero obiettivo che dobbiamo raggiungere non è quello di perdere grasso o rimodellare il corpo ma acquisire costanza nell’allenamento, perché è solo grazie a questa che si possono ottenere i risultati che stiamo inseguendo.

Condividi: